Ratti Della Sabina - L'omo - Clickletras.com.br


Letra L'omo

Ci stà un tizio da parti mei che tutti quanti chiamavanu l'Omo
perchè a sintillu parlane tenea la voce come lu tono
ma dopo in funno tenea ben pocu
anzi forse nun tene niente
perchè era vigliacco era traditore e cercava sempre de' fregà gente!

E pensate che un giorno che è mortu n'amico durante lu' funerale
se n'è jito perchè ce tenea na' monella da sbaciucchiare
a' ndelligenza non stà missu bene poca ch'era stea nei pantaloni
oppure pe' dillu in italiano s'è n'zeppata dintru i carzuni

I tentativi de fà che cosa na' vita sono stati solo cause perse
pure cu' studio da quanno è natu son sempre state du' cose diverse
anzi chè doppo ventidù anni è riuscito a pijà nu' diploma
ma perchè se faceva a' professoressa e pagava quill'artri da' scola

E ricordo ancora quell'anno cu' chiamarono a servì stato
stea vicinu a' casa e pure co' a ' paga ma perchè era raccomannato
in tempi più recenti ce t'è giornate tutte impegnate
perchè a da ji nu bar du' paese a dì le biastime* e sparà le cazzate*

L'amici seu su la fija de lu' lattaru e uno che chiamano l'ingegnere
co' cui s'embriaga e se fà na cannetta u' sabato e pure quell'artre sere
in finale vulea solo dire che pensa d'esse nu' tostu ma è solo n'fallito
non s'è mai resu conto de quanto è picculo.......de fronde allu' munno infinito!

Ma u' bellu de' tutta stà storia è che nun ge stà nisciuna morale
voleo solo avvertivve che s'uncuntrete........stete attenti a nun' favve fregare!!