Etta Scollo - Rosa Canta E Cunta - Clickletras.com.br


Letra Rosa Canta E Cunta

Rosa canta e racconta (Ital.)
Stasera vado e corro insieme al vento
ad aprire le porte della storia.
Stasera, per un momento,
voglio ridare vita al passato e alla memoria.
Stasera, con la vampa dell'amore,
scavo una fossa al dolore.

C'è più dolore, c'è più tormento
che gioia e amore per l'umanità.
Non è il pianto che cambia il destino,
non è la paura che arresta il cammino,
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, scorro la vita.

Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.

Nessuno ha benedetto il mio cammino
neanche la piccola mano di un prete
e vado ancora come va il vento
a cercare pace solo per un momento,
voglio spaccare? spaccare i cieli
per far piovere, piovere amore.

C'è chi ti inganna, c'è chi comanda
e chi in silenzio, zitto se ne sta.
È il potere che rafforza i potenti
è il silenzio che ammazza gli innocenti
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, scorro la vita.

Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.

Sono venuta al mondo quando il "Vossignoria"
si profferiva ad ogni angolo di strada.
Tempi di abusi, di fame e di guerra,
sono cresciuta in mezzo ai malandati.
Lacrime mute ne ho piante, e quante,
la mia innocenza se la sono divisa in tanti

La cattiva gente, i prepotenti,
sono tanti e tanti in questa società.
Non è l'amore che cresce ad ogni angolo
ma il favore che elargisce chi comanda
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, scorro la vita.

Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.


Rosa canta e cunta (Sicil.)
Stasira vaju e curru cu lu ventu
a grapiri li porti di la storia.
Stasira vogliu dari p'un mumentu
la vita a lu passatu i a la memoria.
Stasira cu la vampa di l'amuri
scavu na fossa, na fossa a lu duluri.

C'è chiù duluri, c'è chiù turmentu
ca gioia e amuri pi l'umanità
Nun è lu chiantu ca cancia lu distinu,
nun è lu scantu ca ferma lu caminu,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri?lu cuntu.

Nuddu binidicì lu me caminu,
mancu la manu nica d'un parrinu
e vaju ancora comu va lu ventu
cercari paci sulu p'un mumentu.
Vogliu spaccari?spaccari li cieli
pì fari chioviri?chioviri amuri.

C'è cu t'inganna, c'è cu cumanna
e cu 'n silenziu mutu si nni sta.
È lu putiri ca nforza li putenti,
è lu silenziu ca ammazza li 'nnuccenti,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri?lu cuntu.

Vinni a stu munnu quannu lu "Voscienza"
si schifiava pi li strati strati.
Tempi d'abbusi, di fami e di guerra
criscivu mmenzu di li malannati.
Lacrimi muti ni chiancivi e quanti,
la me nnuccenza si la sparteru 'n tanti.

La mala genti, li priputenti,
tanti su tanti nni sta sucità.

Nun è l'amuri ca crisci ad ogni banna,
ma lu favuri ca sparti cu cumanna,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri? lu cuntu.