Etta Scollo - Lu Libbru - Clickletras.com.br


Letra Lu Libbru

Il libro (Ital.)
Il libro degli infami comprasti
la prima infamità me la facesti.

Non sento né orologio né campana
ché mi sento incatenato come un cane.

Sento chiamate mamma e mi struggo
"che mamma..." mi risponde la catena.

Ammazzare vorrei chi così ha voluto
(con) una palla vecchia e un pugno di lupara.


Lu libbru (Sicil.)
Lu libbru di li nfami t'accattasti
ah! La prima nfamità mi la fascisti.

Nun sentu nè rìloggiu e nè campana
ah! mi sentu ncatinatu comu un cani.

Sentu chiamari mamma e m'allammicu
"chi mamma..." m'arrispunni la catina.

Ammazzari vurria cu si vosi
na palla vecchia e un pugnu di lupara.