Etta Scollo - I Pirati A Palermu - Clickletras.com.br


Letra I Pirati A Palermu

I pirati a Palermo (Ital.)
Arrivarono le navi
tante navi a Palermo
i pirati sbarcarono
con facce d'inferno.
Ci rubarono il sole, il sole,
restammo al buio, che buio,
Sicilia (piange)

tutto l'oro delle arance
rubarono i pirati,
le campagne lasciarono spoglie
nella nebbia.
Ci rubarono il sole, il sole,
restammo al buio, che buio,
Sicilia (piange)

I colori del mare ci hanno rubato, che danno!
I pesci sono impazziti
che lamento che fanno.
Ci rubarono il sole, il sole,
restammo al buio, che buio,
Sicilia (piange)

Alle nostre donne
strapparono dagli occhi
lo splendore ed il fuoco
che illuminava gli specchi.
Ci rubarono il sole, il sole,
restammo al buio, che buio,
Sicilia (piange)


I pirati a Palermu (Sicil.)
Arrivaru li navi
tanti navi a Palermu
li pirati sbarcaru
cu li facci di nfernu.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia (chianci)

Tuttu l'oru all'aranci
li pirati arrubbaru
li campagni spugghiati
cu la neggia lassaru.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia (chianci)

Li culura a lu mari
arrubbaru chi dannu!
Su mpazzuti li pisci
chi lamentu chi fannu.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia (chianci)

A li fimmini nostri
ci scipparu di l'occhi
la lustrura e lu focu
c'addumava li specchi.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia (chianci)